MOSTRE

BAR ITALA

 coll. with : Giorgio Borrelli, Matteo Canevari, Carlo Maiolini, Mauro Milanaccio, Suzie Wong, U-inductio
year : 2012
location : Open @ Pergine Spettacolo Aperto 
subject : progetto di installazione sonora 
work : photography + installation + documentation

IMG_1680

 

“Come l’immedesimazione fa apparire consueti i fatti eccezionali, così lo straniamento fa apparire eccezionali i fatti consueti di ogni giorno. Gli avvenimenti più comuni, se presentati come assolutamente singolari, vengono spogliati della loro tediosità.“

(Bertold Brecht, scritti teatrali II)

 

L’installazione ideata prevede un intervento sonoro, trasmesso per una notte nel contesto urbano in doppia postazione, sotto l’ insegna a neon di due provvisori “Bar Italia”, che trovano temporanea ospitalità sull’ ingresso di una banca e di un ufficio pubblico. Si tratta di un montaggio audio realizzato registrando una notte di lavoro di un venditore di rose bengalese nelle strade di Trento dal titolo “Buonasera, vuoi una rosa”. L’operazione indaga un tema sostanziale del nostro collettivo, il linguaggio al lavoro, in questo caso in senso anche letterale; una ricerca la cui materia è stata inizialmente il mazzo di rose e il venditore, ma che in seguito ha trovato il suo oggetto nel micro mondo di interazioni che avvengono nel bar. Questa torsione dello sguardo ha prodotto un effetto di straniamento, individuato come metodo che attraversa le diversità dei linguaggi e dei saperi messi in campo in GAP.

Annunci